Menu
tatiana
giubileo coatto
catania x inglesi
frasario coatto 2
vita romana
totti inglish
frasario coatto 1
tua sorella
filosofia coatta
turiddu

Blog
anni :
2004
2003
2006
2005

Lavagna

Extra
Barzellette
leggi guestbook
firma guestbook

Altro
FriendTest

Contatore

Statistiche web e counter web
documenti - coatti - vita_romana

SCORCI DI VITA ROMANA

GREETINGS TO MAMORU

 

(Isabella Lattanzi)
Ragazzo: "Ammazza che culo!".
La ragazza sorridente, voltandosi: "Te piace?! Vi a casa co' me che mi' padre te lo fa tale e quale!".

(Emiliano Bindo)
Ragazzo: "Ah, c'hai er culo ch' com'er sno de 'n mandolino!".
Ragazza: "Se ma pe' te nun sna!".
Ragazzo: "E ce lo sapevo ch'era rotto!".

Dialogo tra un paninaro di Centocelle e un cliente:
Paninaro: "Ah, che vi su 'a sarsiccia?".
Ragazzo: "Su 'a sarsiccia gnente, ma 'n torno mttece 'n ber bucio de culo!".

(Luca Gusmano)
- "Ah, ma ch'hai aperto, 'n casificio?".
- "Perch?".
- "Perch te sei fatto 'n bid e so' usciti li formaggini!".

(Fulvio)
Ragazzo: "Ah bionnaaa! Beato chi te sfonna!."
Ragazza: "Chi me sfonna 'r mi' ragazzo, e tu t'attacchi ar cazzo!".
Ragazzo: "S, ma si te sfonno io, beato er cazzo mio!".

(Fabrizio "Bibbo" Barberini)
Lui: "A fate... a fate schifoooo!".
Loro: "Schifo far quella zoccola de tu' sorella!".
Lui: "De sicuro! Ma armeno lei li srdi a casa ce li porta!".
   

Lui: "Quella c'ha 'n culo che je parla da solo!".
L'altro: "Speramo che nun je puzzi l'alito!".

(Riccardo Bizzarri)
Camionista che suona, donna distinta (in apparenza) che grida dal finestrino:
"Va a son 'n mezzo a 'e cosce de tu' moje che c' pi traffico!"

Sentita davanti al Piper.
Una ragazzina 15enne si gratta "in quel posto", si gira verso l'amica ed esclama: "Me prude lo squarcio!"

(Zanzarone)
Ragazzo: "Ah, c'hai 'n culo che te parla da solo!".
Ragazza: "Si, pe' ditte quanto sei stronzo!".

(Marco Pezzotta)
Al ristorante:
La figlia: "'Sta pasta fa schifo ar cazzo!".
La madre: "Ma Valentina! Non voglio che dalla tua bocca escano certe cose!".
La figlia: "Da 'a bocca mia c'escono solo, nella tua 'nvece...".

(Francescotto)
Al ristorante:
Oste: "Ginooo, hai servito ar (tavolo) 5?".
Gino il cameriere: "E 'n attimo, sto a sporzion!".

(Daniela la Cavallara)
Per la strada:
Lui: "A bionna ossiggenataaa!".
Lei: "A stronzo naturaleee!".

(Alessandro Cambi)
Lei passeggia spensierata con il gelato in mano, quando un ragazzo la ferma e le dice:
Lui: "Che me fai da' 'na leccata?".
Lei: "No!".
Lui: "E ar gelato?".

(Daniela)
L'autista di un autobus inchioda e urla alla passante cicciona:
"Ah, a bbalena!! Aridacce Pinocchio!!".

(Stefano Battaglia)
Un ragazzo passando vicino a due ragazze non proprio bellissime: 
Lui: "A brutte de nome!".
Una delle ragazze: "A stronzo de cognome!".

(Paola Bazzan)
Lui: "Ammazzete quanto sei brutta!".
Lei (indispettita): "No! E comunque s bella dentro!".
Lui (di rimando): "E allora scuojete e famme vede!".

(Spartaco)
La polizia ferma un ragazzo in motorino sulla corsia preferenziale: 
Agente: "Non vede che viaggia sulla corsia preferenziale?".
Ragazzo: "Regolare! E 'nfatti ce la preferisco pur'io!".

Un ragazzo al supermercato:
Ragazzo: "Che me dai 'n rotolo de carta pe' pullimme 'r bucio der culo?".
Commesso: "Fine!".
Ragazzo: "No, doppio strato sinn me zozzo li diti de merda".

(Marco Valerio Benedetti "Er Monnezza" )
Dopo il tentato furto a un sexy shop intorno Piazza Bologna, la guardia di una delle volanti accorse esce e tranquillizza i colleghi e i cittadini cos:
"Tranquilli, tranquilli, tanto nun se so' rubbati 'n cazzo!".

(Emanuele Toscano)
Sentita a Via del Corso:
Lo zoro: "A bbella, ma 'nd lo porti 'sto culo, a spasso?!".
La zora (che non ha apprezzato il complimento): "No, lo porto ar Verano a cac sull'anima de li mortacci tua!".

(Marco Marilungo)
Sentito a una cena natalizia davanti alla tivv:
- "Anvedi er Papa, pare che cammina sospeso".
- "C'hai raggione, pare che lievita".
- "'Nfatti. Ar Vaticano 'o chiameno Giovanni "Pagnotta" Seconno!".

(Er Cinese di Roma)
Tra fidanzati:
Lei: "Ammazza quanto sei stronzo!".
Lui: "Mica crpa mia se mi' madre m'ha cacato pe' forza".

(Stefano "Stoto")
In discoteca:
Lui: "Che ber culo! Ma tutto er tuo?".
Lei: "Perch? I cojoni li spartisci co' tu' fratello?".

(Paolo Tarulli)
Udita fuori l'ultra esclusivo club londrino "China White":
Pariolino d'assalto romano ad un altro: "Ah, ma ce fai entra o no?".
L'aspirante trivella, esasperato, replica: "Ma mo se nun la fai finita te do 'n cazzotto 'n petto che te ce faccio 'a nicchia pe' 'a Madonnina!".

(Massimo Moretti) 
Tra due fidanzati. Lui punta un'altra: Ragazza: "Anvedi 'sta troia!".
Ragazzo: "Sar pure 'na troia, ma vedi si me metto 'na fetta de prosciutto 'ntorno ar cazzo che pompe che me fa... Te mortacci tua sei vegetariana!".

(Jabba&Donk "li Marpioni" di Maggica Roma)
Sentita ad Ostia:
Ragazzo: "Elisa, viette a fa' 'r bagno".
Ragazza: "No, che c'ho la patata co' 'r ketchup".

(Fernando)
Durante una festa, prova microfono:
"Prova sa... sa... sa... uhm, sa de cazzo 'sto microfono".

(Alessandro)
Tratto da un film. Il figlio trova il padre settantenne con due prostitute:
Padre: "Che me li lasci i srdi pe' pag 'ste due?".
Figlio: "Ma nun te ne bastava una?".
Padre: "Pe' me terapeutico come 'na medicina!".
Figlio:"Ma la USL nun te 'e passa?".
Padre: "La USL nun passa 'n cazzo, figurete si me passa 'a fica!".

(Pablo)
Un cliente rivolgendosi ad un oste:
"Ah, portame da beve che st lucido come 'n mocassino!".

(Nonno)
In discoteca. 
Ragazzo alquanto ubriaco a ragazza alquanto bruttina: "Ah, ma quanto sei brutta!".
La ragazza alquanto indispettita: "Ammazza quanto sei 'mbriaco!!".
Ragazzo: "Se, ma a me domani me passa...".

(Gianluca Cherubini)
Una ragazza alquanto brutta si avvicina ad un ragazzo alquanto piacente. La giornata piovosa.
Lei esordisce con: "Che brutta giornata!".
Lui risponde: "Sei bella te...".

(Leo)
In copisteria:
Un ragazzo, cliente: "Quant' pe' la fotocopia?".
La ragazza del negozio: "So' 300 lire".
Il ragazzo si stupisce per il costo eccessivo, e lei spiega: "Te l'ho fatta a mano...".
Lui: "Ah, e si me la facevi de bocca quant'era?".

(Antonella di Santamarinella)
Prima notte di nozze:
Lei vestita tutta attillata attende il marito: "caro, che te "paro"?".
Lui: "Parite 'r culo che mo' te 'o rompo!".

(L'esaurito di Colleferro)
"Er Finezza" a "Er Patata": "A Pat, tu' sorella c'ha le zinne tarmente calate che quanno cammina ce palleggia".

(Valerio Mosketti) 
Mario: "Ah, ce lo sai quant' profonna 'a sorca?".
Franco: "No!".
Mario: "Nun ce lo sa nessuno, perch l'hanno sempre misurata a cazzo!".

(Remo Scalise)
Lei: "Ciao, che fai?".
Lui: "Nun parlo co' 'e donne de dubbia moralit".
Lei: "Armeno co' me ci sono dubbi... Su quella troia de tu' sorella 'nvece...".

(Giggio)
Un ragazzo chiede a un amico compagno di stanza in albergo se pu andarsene per una sera e prestargli il letto per starci con una ragazza:
Mario: "A Franco, te pi scrost pe' stasera che vi 'a trucidona de 'a stanza de sopra?".
Franco: "A bello, io er letto mio te 'o posso pure da prest, basta che nun me ce GLASSI sopra!".

(Marina "Mad Drumstick")
Dal parrucchiere, una ragazza coi capelli ricci modello "cespo di scarola" e biondi chiede alla lavorante:
"Daniela, per favore, stirameli, perch adoro i capelli dritti tipo spaghetti".
Risposta: " Co' la forfora che t'aritrovi basta che ce metto 'n po' de burro e famo du' spaghetti burro e parmiggiano".

(Mich)
Sulla corriera Eur-Nettuno:
All'autista, una ragazzina che vuole scendere dalla porta posteriore: "A Capooo! Che m'apri de dietro?".
L'autista: "Come no! E se vieni qua, t'apro pure davanti!".

(Lele)
Lui: "Ah, ma come te chiami... Carla?".
Lei: "No, perch?".
Lui: "Perch c'hai er culo che te parla...!".
Lei: "E allora nun senti che te sta a mann a fanculo...".

(Paolo Detto Tucano e Leonardo)
Ragazzetto: "A nonn, c'hai l'anni der cucco!".
Vecchietto: "A pis, aricordete che mreno pi abbacchi che pecore vecchie".

(Claudio)
MARITO & MOGLIE nella camera da letto; il marito arrapatissimo dice alla moglie:
"A ns, vi qua che stasera te faccio vede li sorci verdi!".
Lei gli risponde in quanto mestruata: "Ehhh... no amore della passerina tua. Questa sera st a ritinteggi 'a SALA GIOCHI!".

(Daniele)
Due amici al bar:
Mario: "A gig, hai mai toccato 'a fregna co' 'r collo?".
Gigetto: "No!".
Mario: "'Nfatti 'o sospettavo che quanno t'hanno messo ar monno sei uscito dar culo!".

(Riccardo Di Cecco)
Per la strada un tizio con l'auto cambia marcia grattando rumorosamente e una ragazza, dal marciapiede, gli urla:
"Oh, che hai cambiato?".
E lui: "No, sto sempre co' quella troia de tu' sorella!".

(Roberto Giovannetti)
Lui e lei in macchina una sera che piove e non possono fare l'amore:
Lui: "Prrrr!" (scureggia).
Lei: Fa finta di niente...
Lui: Ari Prrr.
Lei: Rif finta di niente.
Lui: Mentre scureggia passa il dito sul finestrino appannato per coprire il rumore.
Lei: "A bello... Pe' 'r rumore avemo risolto, mo pe' la puzza come cazzo volemo da fa'?".

(La Mejo de Roma)
Ah, lo sapete qual' 'r Papa pi veloce?
PIO...TTAVO!