Menu
albanese
oreglio
trilussa
odepet
benni
varie 3
guzzanti
chissenefrega
messina
orselli
dante
berlusconi
varie 2
gioacchino belli
hobbes
dazelig
sansone
scorregia
rifleman
corewar
varie 1
genitali

Blog
anni :
2004
2003
2006
2005

Lavagna

Extra
Barzellette
leggi guestbook
firma guestbook

Altro
FriendTest

Contatore

Statistiche web e counter web
documenti - poesie - messina

rimorsi

L’agile sguardo

Come cielo plumbeo

che minaccia pioggia

S’adombra

Un susseguirsi di rimorsi

Stimola in me sensi di angoscia

Il malessere si impossessa del mio corpo

Attanagliandolo

Il senso della coscienza

Come una voce in lontananza riecheggia

Luciano lo sai …

I peperoni arrostiti non li digerisci mai

  

solo

Solo, solo, assorto nei miei pensieri vado

Scruto l’orizzonte

E non c’

Mi giro attorno

E non c’

La cerco qua e l

E non c’

Torno sui miei passi

E non c’

Il freddo correre sulla schiena di un brivido

Mi spinge a gridare:

<<Bastardi … mi hanno fottuto la macchina nuova>>

 

catabolismo

catabolismo

le mani strette a pugno afferrano il mio passato

5,6, 7 giorni

tutti racchiusi in una informe massa

che trabocca dalle mie mani

mi avvio

verso il suo destino

ma non trovo l’epilogo adatto

ma dove se lo sono portato il cassonetto della munnizza?

 

Luciano Messina (Un mito!!!!)